andrea bagnasco fotografo matrimonio logo

Spesso gli sposi hanno diverse domande per il loro fotografo di matrimonio, che riguardano i prezzi, informazioni su come lavora, dettagli di come copre il giorno delle nozze in generale (orari, spostamenti, ecc.) e altri aspetti che riguardano il loro servizio fotografico. Qui di seguito troverai una raccolta dei quesiti più ricorrenti che mi sento rivolgere e delle mie risposte. In ogni caso, non esitare a contattarmi per qualsiasi ulteriore chiarimento, o se non trovi quello che stai cercando. Sarò felice di poterti rispondere e chiarire ogni dubbio.

Poi, se hai ancora qualche minuto, ti suggerisco la lettura di questo articolo sul mio blog dove, anziché dare risposte, vado oltre e dico come la penso anche a proposito delle domande da farmi! 🙂

Puoi tenere ferma la nostra data?
Quanto tempo prima della data è necessario prenotarti?
Copri eventi solo in Liguria, o anche da altre parti?
Non siamo comodi con Varazze per incontrarti in studio, come possiamo fare?
Lavori da solo o con un secondo fotografo?
Vorremmo anche la preparazione dello sposo all’interno del servizio. E’ possibile?
Fai anche le foto di gruppo?
E le foto in posa sposa + sposo?
Vogliamo essere sicuri che tutti gli invitati rimangano in foto
Quante immagini ci consegnerai?
Si possono avere tutte le immagini che scatti?
Consegni anche le foto originali come escono dalla macchina fotografica, in formato RAW?
Possiamo scegliere quali foto avere in bianco e nero e quali a colori?
Dobbiamo includerti tra gli invitati per un posto a tavola al ricevimento?

Puoi tenere ferma la nostra data?

Una data si intende impegnata al momento del pagamento della caparra e della sottoscrizione del contratto. Fino a quel momento, la data è libera per chiunque intenda prenotarla.

Quanto tempo prima della data è necessario prenotarti?

Appena possibile! Non essendo praticabile il ‘tenere ferma la data’ per ovvi motivi, una volta che la data è presa… beh, è presa! Le date più gettonate (tipicamente i fine settimana di Giugno, Luglio e Settembre, ma ora anche Agosto sta diventando un mese ‘da matrimoni’) vengono prenotate anche con un anno di anticipo, se non di più. Certamente non c’è una regola, per cui capita la fortuna di trovare il Sabato di Settembre libero a due mesi dal matrimonio, così come la sfortuna di trovare il Mercoledì di Marzo già occupato con largo anticipo. Quindi il consiglio è senz’altro di operare la scelta del fotografo appena si parte con i preparativi, alla stregua della scelta delle location per celebrazione e ricevimento. L’altro consiglio è quello di provarci sempre e comunque, anche se siete convinti di essere in ritardissimo… non si sa mai.

Copri eventi solo in Liguria, o anche da altre parti?

Sono senz’altro disponibile a coprire il vostro evento ovunque pensiate di organizzarlo. Le spese di viaggio saranno molto semplicemente caricate al costo. Spesso, per location ragionevolmente in zona non carico alcuna spesa di viaggio. In ogni caso è sufficiente una mail per togliersi qualsiasi dubbio al riguardo.

Non siamo comodi con Varazze per incontrarti in studio, come possiamo fare?

Per quanto sia sempre felice di poter incontrare i miei clienti in studio, in modo da conoscerci di persona, mi rendo conto che a volte l’aspetto logistico rende un incontro impraticabile. In questi casi non ho problemi ad organizzare una video o tele conferenza via Skype o telefono, nel momento che vi risulta più comodo.

Lavori da solo o con un secondo fotografo?

Per quanto possibile, lavoro da solo. La natura del mio stile prevede che il fotografo sia il minimo invadente nel giorno del matrimonio. Mi piace documentare quello che succede senza interferire, per non condizionare gli eventi con la mia presenza. Non è che mi nasconda dietro alle piante per non farmi vedere: semplicemente tenendo un comportamento sobrio e cordiale, non facendo uso di flash e presentandomi con l’abito scuro, finisco per essere ‘assorbito’ nell’evento e accettato dagli ospiti come parte della giornata. La gente si abitua a me e io posso fare il mio lavoro documentando ciò che succede da vicino, senza che questo cambi il naturale comportamento degli invitati. Quando c’è più di un fotografo a seguire tutta la giornata, tutto questo riesce più difficile. Poi, non ho mai avvertito il bisogno di integrare la mia copertura della giornata con gli scatti di un altro fotografo, né i miei clienti ne hanno lamentato la mancanza. Infine, quello che i miei clienti comprano quando scelgono me per documentare il loro evento è il mio stile personale. E, per quanto possa sembrare banale, le foto nel mio stile le posso scattare solo io! Detto questo, se pensi che il tuo sia un *grosso* matrimonio (250 ospiti e più) e che non possa essere coperto da un solo fotografo, oppure se hai richieste specifiche, ti invito a contattarmi in modo che si possa discutere di questo aspetto del tuo servizio in dettaglio.

Vorremmo anche la preparazione dello sposo all’interno del servizio. E’ possibile?

E’ senz’altro possibile! Anzi, sono sempre felice di poter estendere la copertura dell’evento anche alla preparazione dello sposo. Per quanto sia meno ‘articolata’ di quella della sposa, anche la preparazione di ‘lui’ è una parte importante della giornata, e come tale merita di essere raccontata. Nel coprire anche la preparazione dello sposo, l’aspetto che occorre pesare attentamente è quello logistico. Le tempistiche dei vari eventi, la tabella di marcia, almeno fino a quando non inizia la cerimonia, sono cruciali. Con l’esperienza, ho imparato a pianificare i tempi e gli spostamenti delle fasi che precedono la cerimonia molto attentamente, e a prevedere tutto l’agio necessario onde ridurre le possibilità di intoppi e imprevisti al minimo. Per questo motivo, sarò in grado di coprire anche la preparazione dello sposo laddove la logistica lo permette. Ovvero, quando sposo e sposa si preparano nella stessa location, o in location molto vicine in modo da potermi spostare a piedi, o con un breve tratto di automobile con la certezza di essere al riparo da problemi di traffico e di posteggio. Quando invece il programma della giornata è tale da rendere impraticabile la mia presenza sia dalla sposa, che dallo sposo – almeno fino a quando non avrò in dono l’ubiquità – la copertura della preparazione dello sposo viene offerta tramite l’apporto di un secondo fotografo (o fotografa), con un extra sul prezzo del servizio.

Fai anche le foto di gruppo?

Certamente faccio anche le foto di gruppo! Il mio stile durante il giorno è documentaristico, nel senso che scatto senza che la gente debba preoccuparsi di me, senza mettere nessuno in posa ma cogliendo i momenti veri della giornata. Le cosiddette ‘foto spontanee’. Appurato questo, è anche vero che nel giorno del matrimonio è tradizione fare le foto con i parenti e gli altri invitati. E chi sono io per sottrarmi alla tradizione? Anzi, suggerisco sempre agli sposi di ritagliare un momento della giornata (io consiglio subito dopo la cerimonia, dopo il lancio del riso) per fare le ‘foto di gruppo’. Se anche loro non dovessero tenerci più di tanto, senz’altro a distanza di settimane dal matrimonio avranno qualche parente o amico che chiederà di avere una foto con gli sposi. Fare le foto di gruppo in questo senso va visto come una piccola assicurazione… E in ogni caso, io sono per foto di gruppo fresche, solari. Mi piace tenere viva l’attenzione degli invitati con un approccio informale e lavorando velocemente, senza tediare nessuno.

E le foto in posa sposa + sposo?

Per quanto concerne le ‘foto in posa’, se per queste si intende dedicare una parentesi della giornata per fare dei ritratti agli sposi come marito e moglie, sicuramente si. Anzi, con gli anni i miei ritratti degli sposi sono diventati una caratteristica dei miei servizi. In queste foto mi piace includere elementi che raccontino qualcosa del giorno del matrimonio: un panorama, uno spicchio di cielo, uno scorcio caratteristico. I miei ritratti devono poter essere incorniciati e appesi in casa e costituire un’immagine piacevole, non solo per i soggetti della foto. Sono molto distante da un certo modo ‘tradizionale’ di vedere queste foto: il cliché degli sposi in pose improbabili, con sguardi persi e in contesti da fotoromanzo anni ’80 non fa per me. Piuttosto, mi piace che gli sposi prendano in mano la situazione e si comportino in modo naturale secondo il loro modo di stare insieme, col linguaggio del corpo che gli appartiene. Perché poi quando si guarderanno in foto, dovranno potercisi riconoscere. E possibilmente piacersi!

Vogliamo essere sicuri che tutti gli invitati rimangano in foto

L’unico modo per avere la certezza che tutti i vostri invitati rimangano in foto è quello di organizzare foto di gruppo assicurandosi di includere tutti prima o poi. Sono più che disponibile a fotografare tutti i gruppi che vorrete comporre e presentarmi nella parentesi di giornata dedicata alle foto di gruppo. Fuori da questo contesto, non posso assicurare di includere tutti i vostri invitati nella mia copertura della giornata. Il mio modo di lavorare è mirato a raccontare la storia del vostro matrimonio e su quello io sono concentrato, non sull’assicurarmi di aver incluso tutti tutti nelle mie foto, anche quelli che restano seduti nel loro angolo buio della sala per tutto il ricevimento.

Quante immagini ci consegnerai?

Non ho un numero fisso di immagini che consegno, ma ho visto negli anni che una giornata di solito si racconta con circa 300 foto. Qualche volta anche qualcosa in più. Tutte le immagini che vi consegno sono completamente editate e nella loro versione definitiva.

Si possono avere tutte le immagini che scatti?

Sulle foto che scarico dalle memory card delle mie macchine fotografiche eseguo una scrematura energica, mirata ad eliminare non solo le foto tecnicamente ed esteticamente non accettabili (soggetto fuori fuoco, la nonna rimasta con gli occhi chiusi o con la bocca aperta, ecc.) ma anche le foto che a mio avviso non ha senso consegnare. Per il modo ‘documentaristico’ che ho di lavorare, quando vedo una possibile foto scatto, poi attendo per vedere se la situazione evolve e scatto un’altra foto, poi magari un’altra e un’altra ancora. Risultato: 4 foto scattate per realizzare la mia idea originale di immagine. Per cui, se ho avuto successo, di 4 foto ne tengo una. Che senso ha consegnarle tutte e 4? Confonderebbe solo i miei clienti e darebbe loro la responsabilità di scegliere l’immagine che dovrebbe meglio rappresentare la mia idea originale di foto. E’ una responsabilità che compete a me e che intendo mantenere. Quindi se durante un matrimonio scatto un migliaio di immagini, è facile arrivare alle 300 che consegno operando la selezione per come ho appena spiegato.

Consegni anche le foto originali come escono dalla macchina fotografica, in formato RAW?

Sebbene io scatti tutto in RAW, non rendo disponibili ai miei clienti i file RAW originali. Questo perché il RAW non è neppure un formato di immagine, ma solo un file dati. Questo vuol dire che per rendere un file RAW un’immagine è necessario compiervi un lavoro di post-produzione, importante per la resa finale della foto almeno quanto lo scatto. Al pari di quanto accadeva quando si usava la pellicola, dove la foto era il risultato 3 distinte fasi: scatto, sviluppo e stampa, così col digitale, la foto si crea attraverso lo scatto e generazione del file RAW e, altrettanto importante, attraverso la post-produzione del file RAW. Tutto questo definisce il processo creativo del fotografo (io) e in quanto tale è di mia competenza.

Questo non penalizza i miei clienti in alcun modo. Se vorranno le loro foto – le famose 300 o più che costituiscono il servizio – in formato file digitale della miglior qualità possibile, avranno la possibilità di acquistarle in alta risoluzione in formato jpg con la massima qualità. E’ quello che normalmente si usa quando si mandano le foto in stampa per ottenere risultati finali (stampe su carta fotografica, a plotter su carta fine art, in offset, e con qualsiasi altra tecnica di stampa) di qualità professionale.

Possiamo scegliere quali foto avere in bianco e nero e quali a colori?

La scelta di rendere una foto in bianco e nero o a colori non è frutto della casualità, ma di una precisa visione ‘artistica’, di competenza del fotografo. Nell’economia dell’intero servizio, ci saranno parti della giornata che sceglierò di consegnare in bianco e nero, e parti della giornata che verranno consegnate a colori. Tutto con l’intenzione di far rendere ogni ‘capitolo’ del giorno al meglio per quello che è, e di rendere l’intera giornata come un racconto fotografico coerente nell’insieme.

Tuttavia, se i miei clienti dovessero richiedere di avere specifiche fotografie (in numero limitato) a colori o bianco e nero – ad esempio, per realizzare delle stampe da appendere alla parete – sarò più che felice di accomodare questa loro richiesta.

Dobbiamo includerti tra gli invitati per un posto a tavola al ricevimento?

Per quanto sia grato ai miei amatissimi clienti che mi vogliono al tavolo con i loro invitati, e per quanto io sia un tipo che socializza facilmente e quindi un ottimo compagno di tavolo per gli ospiti, non è necessario includermi nella lista degli invitati per un posto al ricevimento.

E’ però necessario prevedere con il catering o col ristorante la mia presenza. Cioè, che dovrete darmi da mangiare e da bere! Cibo e bevande faranno si che io non svenga per fame e terranno alto il mio livello di attenzione e la qualità delle mie foto durante tutta la giornata.

Quando non mangio al tavolo con gli invitati, spesso il catering organizza per me un tavolo separato (in un angolo della sala o in una stanza contigua o in uno spazio contiguo) assieme a eventuali video operatori, eventuali componenti della band o al DJ.

Importante nel caso vogliate includermi in un tavolo assieme agli invitati: devo avere la possibilità di potermi alzare di tanto in tanto per fare i miei giri e fotografare i momenti del rinfresco senza recare disturbo agli altri invitati. Quindi è preferibile per me un posto un po’ defilato, possibilmente non al centro della tavola in una zona affollata, in modo da non dover far alzare 30 persone per poter lavorare. E non preoccupatevi di mettermi nella tavola con gli amici casinisti, non mi daranno noia: in genere so badare a me stesso!

Hai altre domande?

scrivimi, ti risponderò volentieri e in breve tempo

Menu